Rapporti scuola famiglia
Chaussure nike chaussure sport sac a main nike chaussure adidas chaussure lunette de soleil Vetement Chaussure adidas Kleid Sportschuhe adidas schuhe adidas schuhe nike schuhe schmuck nike schuhe damen Taschen sonnenbrille

…ridare al linguaggio la parola che serve, che tace e ascolta, che riempie la comunicazione, che sposta e genera idee, che scopre le sue grandi potenzialità creative, che si fa forma e tramite di socializzazione…” (Loris Malaguzzi)

 

 

Come ogni società esistente, anche quella scolastica richiede rispetto di regole chiare e precise. Possiamo definirle come un sistema di accordi e chiarimenti necessari perché la nostra scuola non diventi impraticabile. Le regole non devono essere percepite dai nostri alunni solo come un dovere a cui adeguarsi, come un elemento impositivo dato dall’adulto, ma come l’occasione per un momento di condivisione e comprensione della funzione che le regole hanno per la nostra “sopravvivenza”; dobbiamo, pertanto, liberare i bambini dall’idea che sono fastidiose e perciò vanno trasgredite. L’appartenenza al “gruppo-scuola” rafforza l’identità del bambino che diventa così co-autore e interprete delle regole necessarie all’interno della comunità scolastica. Lavoriamo dunque insieme, scuola e famiglia, per il raggiungimento di tale obiettivo: la definizione di regole sempre più condivise La scuola non “starebbe insieme” se non ci fosse un corpus di regole:

  • ogni alunno si impegna ad assumere un comportamento civile, leale, rispettoso ed educato anche nel linguaggio/toni nei confronti del gruppo dei coetanei;
  • ogni alunno si impegna ad assumere un comportamento civile, leale,rispettoso ed educato anche nel linguaggio/toni nei confronti del personale docente e non docente;
  • ogni alunno si impegna a rispettare i tempi/orari della vita scolastica, l’ambiente, il materiale didattico a disposizione, gli arredi dei locali;
  • ogni docente si impegna a creare le condizioni più idonee per favorire un clima sereno e di collaborazione in cui ogni alunno possa esprimere le proprie idee;

la famiglia in un rapporto di scambio/confronto attivo con la scuola, nel rispetto delle reciproche competenze, si impegna in una collaborazione che ha come finalità l’armonizzazione fra il progetto educativo della famiglia e quello della scuola per realizzare al meglio l’unitarietà degli intenti. Impegniamoci, quindi, ognuno nelle proprie specificità a concretizzare questo progetto educativo per formare cittadini consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri.

Presenza dei genitori a scuola

All’inizio dell’anno scolastico viene prodotto e consegnato alle famiglie il calendario della PRESENZA DEI GENITORI A SCUOLA con indicazione di tempi, modalità e contenuti degli incontri con gli operatori scolastici. La partecipazione alla vita della scuola avviene secondo diverse modalità: Incontri individuali coi genitori delle classi prime: si organizzano all’inizio dell’anno scolastico, per acquisire informazioni necessarie ad una migliore conoscenza degli alunni e per una prima riflessione sul passaggio scuola dell’infanzia/ scuola primaria.Colloqui individuali genitori/docenti: in cui i genitori possono parlare con tutti gli insegnanti del figlio. Nei colloqui individuali vengono consegnate anche le schede valutative quadrimestrali.Consiglio di interclasse: è composto da tutti i docenti dello stesso plesso e da un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi del plesso. É eletto all’inizio dell’anno scolastico da tutti i genitori degli alunni iscritti nella classe. Ha il compito di

• formulare al Collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica

• agevolare le relazioni tra docenti, genitori, alunni

• esprimere pareri sulla scelta dei libri di testo e dei sussidi didattici

• pronunciarsi su ogni altro argomento attribuitogli dalle leggi e dai regolamenti.

Consiglio d’Istituto: si occupa dell’organizzazione e dell’andamento generale di tutto l’Istituto, con la presenza di rappresentanti eletti dai genitori, ogni tre anni .

Giunta Esecutiva: cura la preparazione e l’esecuzione dei lavori del Consiglio d’Istituto, vi partecipano genitori eletti dal Consiglio d’Istituto. Assemblee di classe, di classi parallele o d’Istituto: vengono organizzate nel corso dell’anno secondo le necessità. Comitato genitori: è composto dai genitori delegati di classe, funge da tramite fra la totalità dei genitori e il Consiglio d’Istituto, promuove ed attua molteplici iniziative.

I genitori hanno sempre la possibilità di riunirsi nella sede scolastica, in modo autonomo previa richiesta al dirigente scolastico.

 

  • miurlogo website
  • bannerino aid

 

  • banner usr
  • banner istruzione on line

 

  • bannerino NoiPA
  • bannerino invalsi
  • logo dsa

 

  • bes
  • bannerino comunere

 

  • bannerL
  • LaboratorioMatematica

Istituto Comprensivo Statale
"Marco Emilio Lepido"
Via Premuda, 34
42123 Reggio Emilia
Tel: 0522 301282
      0522 300221

Fax: 0522 383352
pec:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Segreteria:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Informativa Cookie Estesa